fbpx
Il pezzo di oggi è un po’ speciale, diciamolo. Il 27 febbraio è una data fortunata per me, e voglio condividere con voi una parte della mia vita: 13 anni fa, nel 2005, iniziavo la mia attività in proprio.
 
Devo dire una cosa banale, gli anni passano troppo velocemente! Le speranze che ho vissuto quando ho deciso di investire 7 anni di esperienza come mediatore nella gestione di un’agenzia, sono le stesse di ora.

Sono passati 13 anni, anni in cui mi sono misurato con la gestione di un ufficio, del personale e ora posso dirlo: se aprirete un’attività imparerete soprattutto dai clienti. Avere ogni giorno a che fare con i fatti, scontrarsi a volte con la burocrazia o con i propri errori è stato per me un grande insegnamento, senza il quale non avrei mai capito in che direzione doveva andare il mio lavoro.
 
Nel tempo ho iniziato a occuparmi di consulenza e, oserei dire, prima di definirla la mia attività era già reale. È nata naturalmente nella mia mente l’idea che il lavoro di un agente immobiliare dovesse coincidere con quello del consulente: una figura di cui i miei clienti hanno manifestato l’esigenza.
 
In questi anni ho percorso una strada non sempre in discesa, che mi ha portato alla creazione del marchio R7: in esso sono racchiusi tutti i principi di quello che voglio, ovvero la consapevolezza di far vivere ai clienti la trattativa come un momento sereno e semplice, grazie alla piena coscienza di quello che si sta facendo.
 
Roberto Sette

Leggi anche: