fbpx

Valuta il Tuo immobile senza margini di errore con R7!

Valuta il Tuo immobile senza margini di errore con R7!

IL BLOG DI ROBERTO SETTE

La valutazione di un immobile è un aspetto importantissimo in quanto è alla base di ogni transazione immobiliare. Riuscire a dare un prezzo ad un determinato bene non è un qualcosa ne di così semplice e né di così scontato.
Consapevole dell’importanza di attribuire il giusto prezzo ad una proprietà immobiliare , R7 ha studiato ed affinato un metodo efficace e senza margine di errore , che si basa sul saper leggere , confrontare e analizzare il risultato di tre differenti criteri valutativi :

Comparativo
Analitico
Valore di trasformazione.

Prima di esaminare questi differenti metodi di valutazione voglio precisare che tutti e tre sono influenzati profondamente dall’ ubicazione dell’ immobile al quale s’intende attribuire il giusto prezzo.

Paradossalmente il criterio Comparativo, pur essendo tra i tre il più empirico e meno scientifico, è il criterio che per il Metodo valutativo di R7 è il più attendibile, in quanto è l’unico che tiene conto delle esigenze del mercato: maggiore è la richiesta di un oggetto maggiore sarà il suo prezzo! Questo vale anche per gli immobili.

Come dicevo in precedenza, i tre criteri sono fortemente influenzati dall’ubicazione della proprietà immobiliare , ma solo quello comparativo tiene conto del fatto che in una determinata zona ci sono delle vie più richieste di altre. Addirittura la domanda aumenta o diminuisce a seconda del condominio ove è situato l’immobile.

Inoltre, a differenza degli altri due criteri, quello comparativo tiene in considerazione anche altri due aspetti relativi alla richiesta di mercato:

1) se l’ immobile, in base alla sua struttura architettonica, può essere adattato a diverse soluzioni abitative, maggiore sarà il numero di potenziali acquirenti a cui proporlo;

2) più difficile sarà reperire, nella zona, la tipologia dell’immobile oggetto della valutazione, maggiore sarà il suo valore.

È per queste ragioni che il Criterio Comparativo per R7 è quello che da la linea guida della valutazione , confermata e perfezionata dagli altri due criteri, rendendo nullo il margine di errore della valutazione immobiliare.

Dopo questa dovuta premessa iniziamo ad esaminare singolarmente i TRE CRITERI:

1 ) COMPARATIVO: questo è il criterio che si basa sulla comparazione dell’immobile da valutare con gli altri immobili aventi simile tipologia venduti nella stessa zona negli ultimi 12 mesi ( tale periodo temporale si riduce a sei mesi nel caso di cambiamenti repentini del mercato immobiliare dovuti a mutazioni politiche economiche e finanziarie).

Questo metodo considera, nella comparazione, sia le caratteristiche dello stabile in cui è ubicato l’immobile come:

– la tipologia edilizia ,
– l’anno di costruzione e lo stato di manutenzione
– l’esistenza di un giardino e/o di un lastrico solare condominiale,
– l’ampiezza delle parti comuni,
– l’esistenza di eventuali barriere architettoniche,
– la presenza dell’ascensore e del servizio di portineria,
– la vicinanza ai servizi primari e secondati
– se nello stabile sono prevalenti le unità immobiliari ad uso abitativo rispetto a quelle di altre categorie catastali.

Che le caratteristiche dell’immobile stesso come:

– il piano,
– il grado di ristrutturazione,
– la luminosità e la rumorosità,
– il numero di esposizioni e la qualità degli affacci,
– la tipologia dell’impianto di riscaldamento e di condizionamento,
-eventuali vincoli architettonici (che limiterebbero un’eventuale ristrutturazione),
– esistenza di spazi esterni e pertinenze ( posto o box auto , cantina o soffitta ).

2) ANALITICO: questo è il criterio che tiene conto delle misure dell’immobile , delle sue superfici esterne e delle sue pertinenze e del valore* riferito al mq della zona in cui è ubicato l’immobile

*Valore dell’immobile = (mq immobile + mq delle superfici ragguagliate degli spezi esterni e delle pertinenze) x il valore del mq

3) VALORE DI TRASFORMAZIONE: questo metodo si basa sull’ aumentato di prezzo qualora quel determinato immobile venga trasformato in un’altra tipologia (esempio: salone, camera, cucina abitabile salone con angolo cottura, 2 camere) oppure qualora venga trasformato, sia catastalmente che urbanisticamente in un’altra categoria (es ufficio abitazione )defalcato degli eventuali costi necessari per i lavori di ristrutturazione e per la richiesta dei permessi agli uffici competenti.

*Valore dell’immobile = prezzo presunto dell’immobile dopo la trasformazione – costi totali sostenuti per la trasformazione.

Si deve tenere presente che tale criterio non è applicabile per tutti gli immobili in quanto non tutti possono essere trasformati

Così R7 , con il suo metodo di valutazione, dove il fattore umano arricchito dall’esperienza fatta quotidianamente sul campo, con l’ausilio della tecnologia, ha azzerato il margine di errore nella valutazione!

TI POTREBBE INTERESSARE:

Certificato di abitabilità di un immobile

Certificato di abitabilità di un immobile

CERTIFICATO DI ABITABILITA' DI UN IMMOBILECERTIFICATO DI ABITABILITà DI UN IMMOBILE| COSA C'E' DA SAPEREIL BLOG DI ROBERTO SETTE La richiesta del certificato di abitabilità o agibilità da parte dell’acquirente al venditore è un tema che va affrontato con la massima...

+39 0632609312